MotoGp, Rossi quarto ad Indianapolis: ''Gara abbastanza positiva''

MotoGp, Rossi quarto ad Indianapolis: ''Gara abbastanza positiva''

MotoGp, Rossi quarto ad Indianapolis: ''Gara abbastanza positiva''

INDIANAPOLIS - In un weekend condizionato da tre scivolate e da un caldo insopportabile, Valentino Rossi ha chiuso il Gran Premio di Indianapolis al quarto posto. "E' stata una gara abbastanza positiva perchè sono ho girato sui livelli di Lorenzo e Spies - ha esordito il campione di Tavullia -. Sono tornato a guidare abbastanza bene la M1, tornando a mettere la moto nella configurazione classifca come piace a noi".

 

La prima parte di gara è stata un po' in sordina: "Ho faticato nei primi giri come mi capita nelle ultime gare, ma nella fase centrale sono andato molto forte e di questo sono contento, perche' a Laguna Seca e Brno, ero invece lontano dai primi. Ma alla fine non avevo più benzina'", soffrendo in particolar modo il caldo".

 

Rossi ha citato una celeberrima scena del film "Fantozzi" per descrivere il suo stato fisico durante la gara: "Ho fatto fatica e ho dovuto mollare quando ho visto San Pietro tra la curva 2 e 3, un po' come Fantozzi nella partita di calcio". Ma non è stato solo il caldo atmosferico a infastidire il campione di Tavullia: "C'era un grande calore che arrivava anche dalla frizione - ha rilevato -. Ho tutti i piedi rossi. Alla fine gli stivali si erano quasi squagliati".

 

Gradualmente il futuro pilota Ducati sta recuperando la condizione fisica: "Mi manca ancora la forza, ma sono contento che la prima parte della gara è andata bene. Sento meno dolore nella spalla e nella gamba, ma devo recuperare il fiato. Non sono al 100% e devo lavorare dal punto di vista fisico". Domenica si corre al Misano Word Circuit, a pochi chilometri da casa sua.

 

"Doveva essere la gara del mio rientro, ma abbiamo fatto bene a rientrare prima - ha evidenziato -. Ho solo una settimana per migliorare la forma. Misano è una bella pista dove la nostra M1 va sempre bene. Spero di avere tanti tifosi come negli ultimi anni e li invito anche a Tavullia perchè ci saranno molte iniziative".

 

Quello di Indianapolis, ha sottolineato Valentino, "è stato tecnicamente importante per noi. Sono tornato dopo quattro gare e abbiamo deciso di seguire il lavoro fatto dal mio compagno di squadra che stava andando molto forte, ma è stato un errore, perchè lui guida in maniera diversa da me. Quindi siamo tornati al nostra maniera e le cose sono migliorate".

 

Dopo l'annuncio del passaggio in Yamaha si sono sollevate non poche tensioni."E' stata una stupidaggine parlare di cosa si farà la prossima stagione - ha ammesso -. La prossima volta che farò un nuovo contratto ne parlerò quando mancheranno tre gare. Nella squadra c'è tensione. La situazione è cambiata, ma aspetto il massimo supporto dalla Yamaha. Manco io per tornare a vincere. La moto la so guidare, ma bisogna armarsi di pazienza per tornare competitivi", ha concluso.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -