MotoGp, Rossi svela la nuova Yamaha: ''Tanto lavoro sul motore''

MotoGp, Rossi svela la nuova Yamaha: ''Tanto lavoro sul motore''

MotoGp, Rossi svela la nuova Yamaha: ''Tanto lavoro sul motore''

SEPANG - Con i test di Sepang è scattata ufficialmente la stagione 2010 della MotoGp. Sul circuito malese Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, in occasione del primo giorno di scuola, hanno tolto i veli alla nuova Yamaha M1. "Abbiamo un nuovo telaio, che ho già avuto modo di provare a Valencia - ha affermato il campione del mondo in carica, Valentino Rossi -. Nonostante fossi già soddisfatto del telaio 2009, abbiamo cercato di fare una moto più stabile e con più grip".

 

Il campione di Tavullia ha evidenziato come gli ingegneri abbiano lavorato sul motore. "E' l'aspetto più importante - ha confessato il pesarese -. Abbiamo bisogno di più cavalli e allo stesso tempo dobbiamo fare attenzione alla durata dei motori, per via della nuova regola che ne limita il numero durante la stagione. Questo sarà un obiettivo difficile per Yamaha, così come per tutte le Case, ma so che i nostri ingegneri stanno lavorando molto duramente".

 

Rossi non ha mai fatto segreto di avere più di un dubbio sulla regola che limita il numero di motori che potrete usare nel 2010. "Non è il massimo per la MotoGP - ha ammesso -. Metterà in difficoltà tutti. Secondo me non è corretto che la MotoGP abbia solo 6 motori a disposizione per 18 gare. La regola mira a fare risparmiare denaro alle Case, ma secondo me dovrebbero aumentare il numero di motori almeno a 8. 10, poi, sarebbe ideale. Bisognerà stare molto attenti a farseli bastare, per arrivare a fine stagione e giocarsela fino alla fine".

 

Lorenzo, Casey Stoner e Daniel Pedrosa saranno gli avversari più temibili di questo 2010, ma Rossi non si sbilancia: "È difficile dire chi sarà il rivale più pericoloso; penso che siano tutti e tre allo stesso livello, tutti molto pericolosi. Sono tre piloti fortissimi, sanno essere veloci in qualsiasi circuito e sono tutti e tre in grado di vincere il campionato. Bisognerà vedere il livello delle moto 2010, perché saranno loro a fare molta differenza, ma è difficile dire chi sarà il rivale più pericoloso".

 

C'è anche tanta curiosità su Ben Spies, campione in carica di Superbike: "Penso che Spies sia un pilota che sa guidare molto bene la moto e che abbia un gran talento. È arrivato in MotoGP dopo aver vinto il campionato Superbike: è veloce, bravo e coraggioso. Sarà certamente competitivo, ma naturalmente spero che vada un po' più lentamente di noi, perchè in quattro siamo già troppi".

 

Rossi è reduce dagli entusiasmanti test di Barcellona al volante della Ferrari F2008: "È stato bellissimo, mi sono divertito ed è stato un bel test, però penso che sarà molto difficile vedermi correre in Formula Uno", ha puntualizzato il ‘Dottore'.

 

Il contratto in Yamaha scadrà alla fine del 2010. Difficile strappargli qualche parola sul suo futuro: "Durante l'estate si potranno avere le idee più chiare sul mio futuro, sul 2011 e 2012, e capire cosa farò. Io sto molto bene in Yamaha e quindi parlerò innanzitutto con loro. Poi vedremo". Un'anticipazione? "Posso dirvi che sto costruendo una casa nuova. Per il resto, non lo so. Non ho ancora deciso".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -