Mutu: tutta la verità. "Non ho mai detto sì alla Roma"

Mutu: tutta la verità. "Non ho mai detto sì alla Roma"

Mutu: tutta la verità. "Non ho mai detto sì alla Roma"

Dopo il rinnovo con la Fiorentina fino al 2012, Adrian Mutu racconta la verità della trattativa coi giallorossi: "Non ho mai detto sì alla Roma". Così il romeno esprime la gioia di essere rimasto in viola e prosegue: "Sono contento che sia finita così, sono contento di essere rimasto qui e di continuare il progetto". Ed ora si pensa al primo obiettivo, previsto per martedì: la partita d'andata del turno preliminare di Champions League con la Slavia Praga.

 

"Non sono contento di come si è svolta la vicenda - sottolinea l'attaccante viola, riferendosi alla trattativa - Non so cosa ha fatto il procuratore, ma io non ho mai detto di sì. C'erano stati contatti, ma l'importante è aver risolto». Poi la delusione per la risposta della sua società: "Sono venuto un mese fa davanti a voi dicendo di voler rimanere a vita, ho fatto delle promesse ed è stato un vero assist per la società che non ha risposto come mi aspettavo e un po' mi ha fatto arrabbiare. Con Corvino ho parlato, ci conosciamo da dieci anni e ho capito che ognuno fa il suo lavoro".

 

L'affetto per i tifosi viola e la grande intesa con il presidente Della Valle hanno fatto sì che Mutu decidesse di restare: "Appena arrivato qui il presidente ha mantenuto la promessa. Prandelli è la persona con la quale ho parlato di più durante questo periodo, non parlavo con nessuno nemmeno con il procuratore ma solo con il mister. Ho la coscienza a posto, non ho mai battuto i piedi per andare via. Sono contento così, sono davvero felice".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora c'è la volontà di fare bene: "Vogliamo superare il preliminare e dare vita a un sogno che seguiamo da tempo. Io sono imballato, con gambe pesanti, stiamo lavorando moltissimo. Ma per il 12 sarò pronto, lo assicuro. Ho sempre fatto fatica all'inizio durante la preparazione. Abbiamo ancora tempo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -