Olimpiadi, calcio: Argentina troppo forte per tutti, è medaglia d'oro

Olimpiadi, calcio: Argentina troppo forte per tutti, è medaglia d'oro

Olimpiadi, calcio: Argentina troppo forte per tutti, è medaglia d'oro

Doppietta per l'Argentina che dopo il successo ad Atene 2004 vince anche questa medaglia d'oro nel calcio, battendo in finale la Nigeria 1-0. In Grecia Carlos Tevez stese il Paraguay, ai Giochi di Pechino è Di Maria a mandare al tappeto la Nigeria, che nel 1996 ai Giochi aveva battuto in finale i sudamericani (3-2). E' il 13' del secondo tempo di un incontro segnato dal caldo (42 gradi) e Messi lancia in profondità Di Maria: il suo pallonetto sigla l'1-0 definitivo.

 

La squadra biancazzurra viene dalla netta batosta rifilata in semifinale al Brasile e scende in campo con la consapevolezza che l'oro olimpico possa arrivare quasi per inerzia. Messi, Aguero, Riquelme e Di Maria non trovano opposizione valida nella retroguardia nigeriana, anche se nel primo tempo non riescono a sfondare.

 

Al 22', Messi entra in area, sposta la palla sul sinistro e impatta sul difensore: calcio di rigore? Per il direttore di gara no, e fa proseguire. Poi poco o nulla, se non un breve timeout (chiesto dai medici della Fifa): al 30', il caldo soffocante induce il direttore di gara, l'ungherese Kassai, a concedere qualche minuto ai giocatori per dissetarsi. Qualche minuto dopo la ripresa del gioco e' la Nigeria ad avere una buona occasione: il centravanti Odemwingie entra in area da sinistra e centra basso, la palla attraversa lo specchio senza che nessuno intervenga, contro cross dalla destra e palla che arriva a Isaac che svirgola e consegna la palla a Romero.

 

Le squadre vanno al riposo sullo 0-0, alquanto sorprendente vista la differenza dei valori in campo, e al rientro in campo la coppia Messi-Aguero sembra trovare più spazio in cui far valere la propria tecnica. Prima al 2', quando il giocatore del Barcellona serve in profondità il compagno di squadra, anticipato in uscita bassa dal portiere africano; poi al 5' e' sempre Messi a impegnare Vanze kin con un tiro da fuori. L'Argentina fa salire il ritmo e al 13' si decide il match: Lionel Messi recupera il pallone e subito lancia in profondità Di Maria, che scavalca con un preciso pallonetto il portiere nigeriano in uscita. E' 1-0. Pronta la reazione della squadra di Siasia con Okoronkwo, cross pericoloso, Obinna, diagonale bloccato a terra da Romero, e Isaac, il centrocampista crossa da destra per il neo entrato Anichebe, che non riesce ad incidere. Altro breve timeout al 25'. Alla ripresa una combinazione Messi-Aguero porta al tiro quest'ultimo, l'Argentina si ferma qui. La Nigeria ci crede fino alla fine e al 44' sfiora il pareggio con un'azione solitaria di Obinna dalla sinistra: il giocatore conteso tra Chievo e Inter effettua un traversone basso, Anichebe devia verso la porta e Romero respinge d'istinto.

 

Finisce cosi', con gli argentini a festeggiare un oro cercato e meritato dopo un torneo giocato ad altissimo livello. Da Atene a Pechino l'Argentina si conferma nazionale imbattibile ai Giochi,i pretendenti sono rimandati a Londra.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -