Panucci-Preziosi, rissa verbale post Genoa-Parma

Panucci-Preziosi, rissa verbale post Genoa-Parma

ROMA - Alta tensione nel post Genoa-Parma. All'uscita dello stadio il presidente rossoblu, Enrico Preziosi, ha incontrato il difensore parmense Christian Panucci, la scorsa estate vicino al ritorno al Genoa, poi sfumato. "Ti spacco la testa, ti faccio una testa così, io non sono un ragazzino, impara a parlare italiano", ha tuonato il calciatore. "Panucci si lamentava del mancato ingaggio al Genoa e io gli ho risposto che di certe cose non mi occupo", ha affermato a caldo Preziosi.

 

"A questo punto lui si è risentito ed ha detto cose non belle - ha aggiunto -. Credo che da parte di Panucci essersi lamentato di questo non sia bello nei confronti della sua squadra". Anche il presidente del Parma Tommaso Ghirardi è stato protagonista al termine della partita di uno scontro verbale con il presidente dei rossoblù Preziosi.

È una situazione spiacevole che non mi appartiene, i miei genitori mi hanno insegnato l'educazione, sono andato a salutare Preziosi e lui ha pensato che lo volessi provocare - ha affermato a Radio Anch'io Lo Sport su Radiouno -. Ha tirato fuori una situazione di mercato dell'estate scorsa, tra l'altro gestita da Leonardi. Mi spiace per quello che è successo, è stato un esempio negativo".

 

"Forse Preziosi era nervoso, sperava di stravincere la partita, ma non voglio cadere nella polemica. Io penso di non aver fatto nulla". Sulle violenze fuori dal campo Ghirardi la pensa così: "Non si può risolvere la situazione aumentando la polizia. Non sono molto per la prevenzione, sarei più per il libero arbitrio. È un discorso complesso, ma io non sono per riempire gli stadi di polizia e carabinieri, lascerei più libertà al buon senso e alla sportività".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -