Pollice all'ingiù di Totti: ''Chiedo scusa''. Reja: ''Merita 10 giornate di squalifca''

Pollice all'ingiù di Totti: ''Chiedo scusa''. Reja: ''Merita 10 giornate di squalifca''

ROMA - E' polemica dopo il derby Lazio-Roma vinto in rimonta dai giallorossi. Al triplice fischio Francesco Totti ha replicato il gesto del match dell'andata dei pollici all'ingiù. "Chiedo scusa se qualcuno può essere stato toccato dal mio modo di gioire - ha scritto il numero 10 sul proprio sito Internet -. Mi sono lasciato travolgere dall'atmosfera caldissima del trionfo, non volevo comunque offendere nessuno".

 

Secondo quanto riferito dall'entourage di Totti, il gesto del capitano sarebbe stato solo un modo per rispondere a Roberto Baronio, capitano laziale nel derby d'andata, che gli avrebbe fatto lo stesso gesto subito dopo la fine del derby dicendogli anche "sei finito". Fra Totti e Baronio c'erano state scintille anche alla fine del derby di andata, e successivamente Totti aveva chiesto scusa a Baronio.

 

"Mi dispiace per quello che è successo alla fine, perché Totti è un giocatore importante e deve evitare certi gesti. Merita dieci giornate di squalifica", ha commentato Edy Reja. "Ditemi voi se fare quelle cose è da sportivo - ha aggiunto il tecnico biancoceleste -. I miei giocatori hanno reagito, sbagliando, per quello e adesso pagheremo probabilmente con delle squalifiche. Mi auguro di no, ma qualcosa sul campo è successo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -