Schede svizzere, la Corte della Figc 'grazia' Moggi e De Santis

Schede svizzere, la Corte della Figc 'grazia' Moggi e De Santis

Massimo De Santis

La Figc 'grazia' Luciano Moggi e gli arbitri De Santis, Bertini e Gabriele per lo 'scandalo' delle schede telefoniche svizzere. Sono infatti state annullate dalla Corte di giustizia federale della Federazione le squalifiche inflitte dalla Disciplinare, per due diversi motivi.

 

Luciano Moggi e l'arbitro Marco Gabriele sono stati graziati in quanto non più tesserati prima dell'inizio del procedimento, mentre De Santis e Bertini, ha argomentato la Corte, si sono visti accogliere il ricorso per il principio del "ne bis in idem", cioè che non si può essere giudicati due volte per lo stesso motivo: i due infatti erano stati gia' giudicati per Calciopoli nel cosiddetto maxiprocesso sportivo.

 

Luciano Moggi, insieme a Mariano Fabiani, ex ds del Messina, erano stati deferiti dalla Disciplinare per "avere costituito un sistema di comunicazioni telefoniche riservate attraverso contatti intercorsi tramite utenze sim estere in prossimità di sorteggi arbitrali di gare e al termine dello svolgimento delle stesse". Moggi aveva ricevuto un anno e due mesi di inibizione, De Santis sei mesi.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Corte ha invece respinto i ricorsi e confermato le sanzioni ad alcuni arbitri e collaboratori, perché "considerata la gravità dei fatti e la non eccessiva entità dell'utilizzo, da parte dei ricorrenti appartenenti all'Aia delle schede da loro possedute oltre che la loro incensuratezza, la sanzione irrogata dalla Commissione disciplinare nazionale con il provvedimento impugnato appare equa". Niente 'grazia' quindi per Antonio Dattilo, Stefano Cassarà, Marcello Ambrosino, Salvatore Recalbuto, Mariano Fabiani e Tiziano Pieri.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -