Schumacher, da 'Fenomeno' a 'Bollito'

Schumacher, da 'Fenomeno' a 'Bollito'

Schumacher, da 'Fenomeno' a 'Bollito'

Da "Fenomeno" a "Bollito". C'era una volta Michael Schumacher. Il campione di Kerpen ha voluto rimettersi in gioco a 41 anni "tradendo" la Ferrari per la Mercedes Gp. Voleva dare "calci al sedere" ai giovanotti del ‘Circus', ma li sta prendendo persino dal meno quotato compagno di squadra Nico Rosberg. Il figlio del vecchio Keke Rosberg, campione del mondo nel 1982, ha avuto l'onore di conquistare per la casa di Stoccarda il primo podio stagionale.

 

E per di più l'ex pilota della Williams è in piena lotta per il titolo mondiale: grazie al terzo posto di Sepang e ai due quinti conquistati a Melborune e Sakhir si trova a 35 punti, a sole quattro lunghezze da Felipe Massa. Schumacher, invece, è lontanissimo: solo 9 punti, otto dei quali ottenuti in Bahrain con un discreto sesto posto.

 

C'è già chi ha avanzato l'ipotesi che l'ex ferrarista alzerà bandiera bianca a fine stagione. Conoscendolo, il ‘Cannibale' mai abdicherà. Il suo compito sarà infatti quello di contribuire alla crescita delle "frecce d'argento" sotto la supervisione di Ross Brawn.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -