Scontri a Londra, Valentino: ''Sto con i contestatori"

Scontri a Londra, Valentino: ''Sto con i contestatori"

Scontri a Londra, Valentino: ''Sto con i contestatori"

Valentino Rossi si schiera dalla parte dei contestatori di Londra. In un'intervista rilasciata a "La Stampa" il portacolori della Ducati ha sottolineato come le forze dell'ordine dovrebbero schierarsi per risolvere i problemi e "non mettersi a menare la gente e uccidere dei ragazzi". Per il nove volte campione di motociclismo, se c'è quello che lui ha definito "un casino", è per effetto del comportamento delle forze di polizia. Valentino si è poi soffermato sul rapporto con la Ducati.

"L'anno prossimo correrò in Ducati e vorrei farlo anche dopo: non lascerò nel 2012 - ha evidenziato -. Perchè ciò accada, la Ducati deve assecondarmi in tutto. E devono arrivare i risultati: se continuiamo così, continuare così non ha senso". Quindi ha spezzato una lancia a favore di Casey Stoner, da cui ha ereditato la rossa: "Ora ho capito che quando cadeva in Ducati non sbagliava lui, era la moto a essere troppo difficile".

 

Valentino ha poi lanciato una stoccata all'ex compagno di squadra in Yamaha, Jorge Lorenzo: "Per ora sta ancora usando tanto il mio lavoro: dovrebbe dirmi grazie". Quanto alla presunta gravidanza della fidanzata Marwa, Rossi ha sorriso: "Sono felice di poter smentire".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -