Serie A, Cobolli Gigli non crede alla fuga dell'Inter

Serie A, Cobolli Gigli non crede alla fuga dell'Inter

Serie A, Cobolli Gigli non crede alla fuga dell'Inter

La Juventus viene bloccata in casa dal Catania di Zenga, mentre l'Inter, seppur soffrendo, batte in casa il Lecce e vola solitaria al comando della classifica di serie A. Per qualcuno è già un accenno di fuga, visto che, oltre alla Juve staccata di 2 punti, ci sono Milan e Roma distanti rispettivamente 4 e 6 lunghezze. Ma per il presidente dei bianconeri, Cobolli Gigli, è ancora presto per parlare di allungo: "Non credo che sia una fuga quella dei nerazzurri, è ancora troppo presto per dirlo. Anche se, a questo punto, sarò costretto a tifare Milan".

 

Il riferimento è alla prossima giornata di campionato, che vedrà il derby della Madonnina nel posticipo della domenica sera. Il numero uno della Juventus si ferma poi a parlare del match con il Catania, deciso dalle reti di Amauri e del giovanissimo Plasmati, al secondo gol in campionato dopo quello di San Siro proprio contro l'Inter: "Il calcio e` fatto così - ha detto Cobolli Gigli - non siamo riusciti a fare il 2-1 nonostante le molte occasioni avute, pazienza. Andiamo avanti con gli obiettivi di sempre, ovvero arrivare il più in alto possibile in Champions League e conquistare una buona classifica in zona scudetto".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Certo - ha proseguito il presidente - ieri sarebbe stato meglio vincere. Ma noi non abbiamo mai parlato, in queste settimane, di vetta della classifica, perché dopo tre o quattro giornate è ancora troppo presto. Vediamo come finisce settembre, un mese difficile, poi vedremo".

Cobolli Gigli conclude con una battuta su Giovinco: "Credo che Ranieri ancora una volta abbia fatto la scelta giusta. Il nostro tecnico ha considerato Giovinco rientrato a tutti gli effetti nella rosa dei papabili, quando lui lo riterrà necessario giocherà".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -