Superbike, a sorpresa la Superpole è di Sykes. Haslam meglio di Biaggi

Superbike, a sorpresa la Superpole è di Sykes. Haslam meglio di Biaggi

Superbike, a sorpresa la Superpole è di Sykes. Haslam meglio di Biaggi

IMOLA - Il clima tipicamente inglese ha esaltato le doti del britannico Tom Sykes. A sorpresa, contro ogni pronostico, il portacolori della Kawasaki ha conquistato la Superpole del Gran Premio di Imola, penultimo round del mondiale Superbike, grazie al tempo di 2'07''341, precedendo di soli 51 millesimi l'Aprilia del team Pata Racing del ceco Jakub Smrz. Terzo Leon Haslam (Suzuki), unico in grado di contrastare la leadership in campionato di Max Biaggi (Aprilia).

 

>LE IMMAGINI DELLA SUPERPOLE, fotoservizio di Cristiano Frasca

 

Per il 'Corsaro' dell'Aprilia il bicchiere è mezzo pieno: settimo tempo e la consapevolezza di esser riuscito a migliorare sull'asciutto il set-up della sua RSV4 nell'ultimo turno di libere. Per laurearsi campione il romano non deve perdere otto punti dal figlio di Ron 'Rocket' Haslam. La Superpole ha esaltato anche l'aretino Luca Scassa (Ducati Supersonic) e il cesenate Lorenzo Lanzi (Ducati DFX Corse), che partiranno rispettivamente dalla quarta e dalla quinta posizione.

 

Bene le Bmw con Troy Corser sesto e Rubens Xaus ottavo nonostante una caduta alla Rivazza nella seconda manche della Superpole. Solo nono Carlos Checa, il più veloce sull'asciutto venerdì. Lo spagnolo della Ducati Althea, che quasi certamente continuerà con il team laziale anche per la prossima stagione, è incappato in una caduta alla Tamburello. La stessa ha tradito anche altri tre piloti: Cal Crutchlow (Yamaha Sterilgarda), Shane Byrne (Ducati Althea) e Jonathan Rea (Honda Ten Kate).

 

Nel volo l'irlandese, già caduto nell'ultimo turno di libere all'uscita della Variante Bassa, ha riportato una brutta botta alla spalla sinistra. Superpole amara per le Ducati Xerox di Michel Fabrizio e Noriyuki Haga, che partiranno rispettivamente dalla decima e quindicesima posizione, e per il bi-campione del mondo James Toseland (Yamaha Sterilgarda), che non è andato oltre la 17esima posizione. Ai box Yamaha era presente il futuro del team monzese, Marco Melandri.

 

Dall'inviato Giovanni Petrillo


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -