Superbike, Checa conquista Silverstone e ipoteca il titolo

Superbike, Checa conquista Silverstone e ipoteca il titolo

Superbike, Checa conquista Silverstone e ipoteca il titolo

SILVERSTONE - Il mondiale Superbike è sempre più nelle mani di Carlos Checa. Lo spagnolo della Ducati del team Althea ha sbancato anche Silverstone, conquistando una splendida doppietta nel giorno della sua centesima gara nel mondiale delle derivate. Dopo aver conquistato al mattino la vittoria numero 300 per la casa di Borgo Panigale, il dominatore del 2011 si è ripetuto nella manche pomeridiana, precedendo le Yamaha di Eugene Laverty e Marco Melandri.

 

Checa va in vacanza con 343 punti, con un margine di 62 lunghezze su Max Biaggi e 71 su Melandri. "E' un momento cruciale della stagione - ha commentato Checa -. E' un grande risultato, conquistato sulla pista dove abbiamo sofferto molto. E' una domenica fantastica, ora ci godiamo le vacanze". "Volevo migliorare il risultato di Gara 1 - ha confessato Melandri -. Ho scelto la gomma dura, ma si è rilevata una scelta sbagliata".

 

Il pilota di Ravenna ha continuato nella sua analisi: "Potevo andare dietro ai primi all'inizio, ma sono stato colpito da un sasso nella gamba partito dalla moto di Hopkins e ho avuto del dolore che mi ha fatto perdere contatto. Quando mi sono ripreso ho cercato di portare a casa un altro podio e ci sono riuscito. Ho sofferto con le gomme, consumandole più di Eugene e dobbiamo capire perché. E' un buon risultato, ma il campionato ormai è nelle mani di Carlos".

 

Biaggi archivia il difficilissimo weekend di Silverstone con un undicesimo e quarto posto. In Gara 1 il "Corsaro" dell'Aprilia ha avuto un problema con la leva del freno e alla frizione, mentre nella seconda manche ha messo alla frusta le gomme, perdendo competitività nel finale. Il romano ha infiammato Gara 2 con uno straordinario duello ruota a ruota con Hopkins, Melandri e il compagno di squadra Leon Camier.

 

"Non nascondo che avevo l'obiettivo di chiudere nella top five - ha ammesso il romano -. In Gara 1 sono voluto rimanere in pista nonostante i problemi per portare a casa qualche punto buono per il campionato. Gara 2 l'ho fatta all'attacco ed ho spinto senza pensare troppo alle gomme per rimontare. Così le ho stressate, calando nel finale. Però mi dà soddisfazione aver battuto Camier, che su questa pista è veloce. Sono abbastanza contento".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Camier ha preceduto la Ducati del team Effenbert Racing di Sylvain Guintoli, la Suzuki del poleman John Hopkins e la Bmw di Leon Haslam, quarto al mattino. Chiudono la top ten Michel Fabrizio (Suzuki), dolorante alla spalla destra dopo l'highside al primo giro della gara del mattino, e la Bmw di Ayrton Badovini. Il mondiale Superbike tornerà il primo weekend di settembre per il Gran Premio di Germania al Nurburgring. Quando mancano 8 manche alla fine del mondiale, con 200 punti ancora da assegnare, Checa è sempre più padrone del campionato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -