Superbike, Checa prenota la Superpole. Ma Biaggi c'è

Superbike, Checa prenota la Superpole. Ma Biaggi c'è

Superbike, Checa prenota la Superpole. Ma Biaggi c'è

MISANO - Carlos Checa si è confermato velocissimo anche nel secondo ed ultimo turno di qualifiche del Gran Premio di San Marino, sesto round del mondiale Superbike. Il portacolori della Ducati Althea ha fermato il cronometro sul tempo di 1'35''609, 322 millesimi più rapido dell'Aprilia tricolore del campione del mondo in carica Max Biaggi. Per il leader del campionato anche una scivolata senza conseguenze alla curva del "Carro", in inserimento a destra.

 

>LA PRIMA GIORNATA: LE FOTO (di Cristiano Frasca)

 

Buono il passo gara dello spagnolo, tra l'1'36''3 e l'1'36''5. Stesso ritmo per Biaggi, capace di scendere per due volte sotto il muro dell'1'36''. La Superpole sembra dunque un discorso tra i due veterani del 'Circus', mentre si annuncia un'intensa battaglia per la prima fila. Tra i pretendenti ci sarà anche Michel Fabrizio, ottimo terzo con la Suzuki a 443 millesimi da Checa. Nel finale il romano è finito sulla ghiaia della curva 1, perdendo l'anteriore della sua GSX-R1000.

 

L'ex ducatista è rientrato a piedi ai box, mentre la moto ha subito seri danni. A sorpresa al quarto posto si è inserita la Kawasaki di Joan Lascorz (1'36''246), 27 millesimi appena più rapido per la Yamaha di Marco Melandri. Il pilota di Ravenna solo nel finale è riuscito a scendere sotto il muro dell'1'37'', ottenendo la sua migliore prestazione al 17esimo dei 18 passaggi completati. Al rientro ai box l'ex MotoGp ha rischiato la collisione con l'Aprilia di Biaggi.

 

Non è chiaro se si sia trattata di un incomprensione tra i due o se c'è stata una sorta di "regolamento di conti". Leon Haslam è stato il più veloce dei piloti Bmw, sesto a 768 millesimi. Il suo compagno di squadra, Troy Corser, dopo la brutta caduta nelle qualifiche del venerdì alla Quercia, si è steso nuovamente, questa volta alla curva del "Rio". Per l'australiano, qualificatosi col quindicesimo crono, nessuna conseguenza fisica.

 

Molto bene invece Ayrton Badovini (Bmw Motorrad Italia), ottavo alle spalle della Kawasaki di Tom Sykes. Completano la top ten Eugene Laverty (Yamaha) e Maxime Berger (Ducati Supersonic). Deludenti le prestazioni delle Castrol Honda, con Rubens Xaus tredicesimo e Jonathan Rea 16esimo. Per l'irlandese anche una scivolata alla 'Quercia'. Bocciato Noriyuki Haga (Aprilia Pata), solo 18esimo e fuori dalla Superpole.

 

Fuori anche le Ducati del team Barni Racing, wild-card a Misano, di Matteo Baiocco e Alex Polita, rispettivamente al 17esimo e 20esimo posto. Diciannovesimo, ma in progressione, il sostituto dell'infortunato James Toseland nel team Bmw Motorrad Italia, il cesenate Lorenzo Lanzi; 21esimo Roberto Rolfo con la Kawasaki del team Pedercini davanti alla Kawasaki ufficiali di Chris Vermeulen al compagno di squadra Mark Aitchison.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dall'inviato, Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -