La Superbike torna a Imola: Tom Sykes l'uomo da battere, gara di casa per Melandri

Il campione del mondo in carica nel 2013 sbancò la tappa del Santerno con pole position, vittoria di entrambe le gare, nuovo best lap e lap record della pista

Sarà Tom Sykes l'uomo da battere questo weekend a Imola, dove andrà in scena il quarto round del mondiale Superbike. Il campione del mondo in carica, che nel 2013 sbancò la tappa del Santerno con pole position, vittoria di entrambe le gare, nuovo best lap e lap record della pista, è l'unico pilota ad aver centrato più di una pole position sui sali e scendi dell'Enzo e Dino Ferrari. La prima Superpole arrivò sotto la pioggia nel 2010.

GUINTOLI A -12 - Sykes, attuale leader del campionato, si dovrà difendere dagli attacchi del francese dell'Aprilia Sylvain Guintoli, il quale, dopo la tappa bagnata di Assen, ha ridotto a 12 le lunghezze dalla vetta. Lo scorso anno l'alfiere della casa di Noale conquistò un terzo posto in Gara 2 alle spalle di Sykes e Jonathan Rea (Honda), dopo esser stato tradito al mattino dalla motore della sua RSV4.

OCCHIO A REA, ATTESA PER MELANDRI - Ma il pilota della Kawasaki dovrà fare attenzione ad un altro amante del tracciato di Imola, Rea, che salì nel 2012 sul gradino più alto del podio in Gara 1. C'è attesa per Marco Melandri, ancora alla ricerca della prima vittoria da pilota ufficiale Aprilia in Superbike. Il pilota di Ravenna arriva all'appuntamento di casa con un ritardo di ben 39 punti dal vertice, seguito dalla coppia di piloti ufficiali Ducati composta da Davide Giugliano (-49) e Chaz Davies (-61).

GIUGLIANO - A Imola Giugliano ha ottenuto nel 2013 uno dei tre secondi posti della sua carriera, il suo miglior risultato sotto la bandiera a scacchi finora, partendo dalla terza posizione in griglia. E' stata l'unica volta in cui ha visto il traguardo: l'anno scorso cadde in Gara 2 alla Tosa mentre era secondo. Nel 2012 si ritirò in gara uno e rimase senza benzina quando era sesto in gara due. Il portacolori della Ducati fu secondo dietro a Danilo Petrucci nella gara Superstock 1000 del 2011.

SUZUKI - Dopo una domenica olandese da incubo, chiusa con due zeri in altrettante gare, Eugene Laverty (Suzuki) punta a tornare sui livelli di forma di inizio stagione, mentre il compagno di squadra Alex Lowes spera di compiere un ulteriore passo in avanti dopo il primo podio della sua carriera nel campionato delle derivate di serie conquistato nell'appuntamento di Assen. L'unica esperienza di livello internazionale per Lowes ad Imola risale al 2009, quando concluse undicesimo la gara della classe Superstock 1000 con la MV Agusta.

EVO - La battaglia per il titolo della classe Evo prosegue ad Imola con Niccolò Canepa (Althea Racing Team), intenzionato a far bene davanti al pubblico di casa, dopo aver terminato in testa al gruppo di piloti della categoria in entrambe le gare dello scorso round. Il pilota genovese lotterà con lo spagnolo David Salom (Kawasaki Racing Team). Ancora spazio per Leon Camier nel Bmw Motorrad Italia Superbike Team, il quale sostituirà nuovamente il convalescente Sylvain Barrier. Il campione italiano Superbike Ivan Goi scenderà invece in pista come wildcard, in sella alla 1199 Panigale R del Barni Racing Team Ducati.

Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -