Superbike mania a Imola, paddock preso d'assalto: Fabrizio vince la gara ai fornelli

Nella splendida cornice del Museo San Domenico, Rea, Giugliano, Sylvain Guintoli, Leon Camier, Jordi Torres e Michel Fabrizio si sono cimentati n una sfida culinaria che aveva per oggetto il garganello.

In attesa del primo semaforo verde, che darà ufficialmente il via al round di Imola, i piloti del mondiale Superbike hanno momentaneamente appeso il casco al chiodo, per indossare il grembiule da chef e sfidarsi ai fornelli. Nella splendida cornice del Museo San Domenico, Jonathan Rea, Davide Giugliano, Sylvain Guintoli, Leon Camier, Jordi Torres e Michel Fabrizio si sono cimentati n una sfida culinaria che aveva per oggetto il garganello.

Dopo il briefing effettuato da Valentino Mercattilii, chef del celebre Ristorante San Domenico, che mostrato come fare il garganello usando il pettine apposito, i piloti hanno mostrato grande abilità riuscendo a produrre un numero sufficiente di pasta in pochissimo tempo, per poi scegliere il condimento e avviarsi alla cottura. I piatti pronti sono stati quindi sottoposti al giudizio della giuria, composta da Anna Capella, inviata di Mediaset, Stefano Saragoni, direttore di Motosprint, Ernesto Marinelli, responsabile progetto Superbike Ducati e Federico Poggipollini, chitarrista di Ligabue.

Alla fine a prevalere è stato Fabrizio, premiato dal sindaco di Imola Daniele Manca. Nel pomeriggio i piloti si sono dati appuntamento in autodromo per l'open paddock, firmando fotografi ai fans. Tutti i principali protagonisti si sono alternati sul palco del Paddock Show, pronti a rispondere alle domande dell’intervistatore sul weekend di gara e naturalmente a firmare autografi, con i poster che sono letteralmente andati a ruba.

Il pomeriggio è continuato con la conferenza stampa alla quale hanno partecipato Rea (Kawasaki), Leon Haslam (Aprilia), Michael Van der Mark (Honda), Giugliano (Ducati) e Ayrton Badovini). Una conferenza stampa particolare, altra apprezzata novità di quest’anno, perché permette anche agli spettatori di formulare domande dopo quelle di rito. Direttamente dal pubblico presente è arrivata una domanda diretta ai primi due piloti in classifica, Rea e Haslam, ai quali è stato chiesto se si aspettassero un rendimento del genere nella prima parte della stagione.

Rea, senza pensarci un secondo, ha rispetto dapprima con un semplice ma convinto “Sì!” salvo poi continuare così: “Avendo corso contro le Kawasaki in passato sapevo bene quanto fossero competitive, ma neanche nei miei sogni più belli mi sarei mai immaginato di dimostrarmi tanto competitivo. Voglio fare del mio meglio per ottenere il massimo, perché un giorno potrei svegliarmi fuori dal podio”.

Haslam ha evidenziato di esser stato competitivo già dal primo test e "da allora ho avuto sempre il sorriso stampato in faccia. Sarebbe davvero importante chiudere davanti a Jonathan, ci sono riuscito una volta sola fino ad ora in stagione. In passato ad Imola ho fatto bene e male: nel 2010 ho perso il titolo contro Max (Biaggi, ndr), mentre nel 2012 sono andato due volte a podio. Pur avendoci corso in diverse occasioni, questa pista rimane sempre da pelle d’oca”.

Van der Mark ha scherzato sul fatto che la differenza tra una moto Supersport ed una Superbike è solo la velocità, Badovini si è detto ovviamente felice di correre ancora una volta davanti al pubblico di casa. Ultimo, ma solo in ordine di menzione, è stato Giugliano, atteso al rientro dopo il lungo stop per infortunio e accolto da un incredibile applauso da parte del pubblico di Imola. “È davvero emozionante per me fare il ritorno proprio qui. È stato un percorso di recupero difficile ma sto bene e spero di ottenere dei risultati importanti, per me e la squadra”.

Dal paddock è arrivata anche un'altra bella notizia: Niccolò Canepa scenderà in pista ad Imola e nei rimanenti round del campionato insieme al Team Grillini Racing. Il genovese, che compirà ventisette anni tra una settimana, si era ritrovato senza moto al termine dello scorso round, a causa del ritiro dalle competizioni del suo ex team, l'Ebr. Il passaggio di Christophe Ponsson al Team Pedercini ha aperto le porte al passaggio di Canepa nella squadra gestita da Andrea Grillini, il quale ora guarda con attesa all’inizio di questa nuova avventura.

“Sono felice di questa opportunità, che è arrivata all’ultimo minuto - ha detto Canepa -. Dopo tutto ciò che è successo di recente, non vedo l’ora di scendere in pista con la nuova moto. Non sarà facile, in quanto non ho mai guidato la ZX-10R e devo ancora conoscere la squadra, ma darò il massimo sia qui ad Imola che su ogni altro tracciato in calendario. Vorrei ringraziare la squadra per la possibilità che mi è stata data”. Venerdì il via dell’attività di pista con le prove libere della Superstock 1000 alle ore 8.45. Per coloro che non avessero acquistato in prevendita, si possono acquistare i tagliandi nelle biglietterie apposite situate attorno all’Autodromo.

Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -