Superbike, Imola day 2. Il "ride by wire" fa rinascere Rea

Superbike, Imola day 2. Il "ride by wire" fa rinascere Rea

Superbike, Imola day 2. Il "ride by wire" fa rinascere Rea

IMOLA - Jonathan Rea torna nelle posizioni di vertice dopo una stagione condizionata dal brutto incidente a Misano. L'irlandese, 24 anni, ha portato la Honda CBR 1000 del team Ten Kate al secondo posto alle spalle di uno scatenato Carlos Checa, lanciatissimo verso il primo titolo della sua carriera. La prima fila conquistata a Imola sa di liberazione per il giovane Rea, rimesso in gioco dal sistema "ride by ride" che gestisce elettronicamente il controllo dell'accelerazione.

 

Il dispositivo, ha chiarito il pilota di casa Honda, "gestisce l'accelerazione con il controllo di trazione. Inoltre gestisce anche la partenza. Diciamo che rende la vita molto più facile. Sono contento dei progressi che stiamo facendo". Rea ha ripercorso anche il suo calvario: "Quando sono rientrato ho faticato, ho lavorato duramente col mio fisioterapista per tornare in forma. Qui a Imola siamo finalmente veloci, anche al nuovo sistema".

 

L'irlandese ha dimostrato di aver il passo per puntare alla vittoria: "Non ce la giochiamo solo io e Carlos - ha ribattuto Rea -. Per ora mi godo la prima fila. Sono contento di questa prestazione".


Dall'inviato, Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -