Superbike a Imola, Rea mette già tutti in riga. Le Ducati inseguono le verdone

Una regola matematica semplice, che si impara sui banchi delle elementari, e che può essere applicata anche in pista

Cambiando gli ordine degli addendi, il risultato non cambia. Una regola matematica semplice, che si impara sui banchi delle elementari, e che può essere applicata anche in pista. Si apre infatti nel segno del dominatore del mondiale Superbike, Jonathan Rea, il weekend del Gran Premio d'Italia ai Imola, quinta prova del campionato. Il nordirlandese si è presentato in splendida forma sui sali e scendi dell'impianto del Santerno, piazzando un 1'47"077 di avvertimento agli avversari. Alle sue spalle, con lo stesso identico tempo, ci sono il compagno di squadra Tom Sykes e Chaz Davies, a 222 millesimi. Il gallese della Ducati, che nel 2016 aveva dominato il fine settimana imolese, ha preceduto a sua volta l'altra rossa ufficiale, quella di Marco Melandri, a 337 millesimi dalla virtuale pole.

Si è vista in pista una Panigale R competitiva nei primi settori del tracciato, salvo perdere gap dalla Variante Alta alla Variante Bassa che precede il traguardo. Quinto tempo per la Ducati del team Barni di Xavi Fores, rovinato sul finale alla prima variante del Tamburello. Ad emulare lo spagnolo, pochi minuti più tardi, Nicky Hayden (Honda). Bene la Mv Augusta, con Leon Camier sesto a 1"005. L'inglese ha preceduto la Yamha di Michael Van Der Mark, la Bmw del team Althea di Jordi Torres e la prima delle Aprilia del team Milwaukee, quella di Eugene Laverty. Chiude la top ten Hayden, impossibilitato nel finale a migliorare il proprio crono. Attardati gli altri italiani: il cesenate Lorenzo Savadori non è andato oltre la 17esima piazza, davanti alla Kawasaki del team Pedercini di Alex De Angelis e alla Bmw dell team Althea di Raffaele De Rosa. Chiude la Kawasaki del team Go Eleven di Ayrton Badovini.

Col motto #andiamoaImola, lanciato dalla simpaticissima giornalista Mediaset Irene Saderini, si è aperto il fine settimana tutto motori romagnolo. Forte l'entusiasmo che si respira nel paddock dell'Enzo e Dino Ferrari, dove si attende l'invasione degli appasionati delle derivate di serie. La prevendita, confermano gli organizzatori, è andata bene e il via vai di tifosi conferma il dato. Si attende un aumento di berretti colorati e bandiere soprattutto tra sabato e domenica. Lo spettacolo infatti è assicurato non solo in pista. Nel villaggio allestito alle spalle della Tribuna Centrale sono stati organizzati test drive e degustati. E sabato si attende l'arrivo della madrina dell'evento, la splendida Cristina Buccino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dall'inviato, Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -