Superbike, Melandri e Checa si spartiscono Donington. Disastro Biaggi

Superbike, Melandri e Checa si spartiscono Donington. Disastro Biaggi

Superbike, Melandri e Checa si spartiscono Donington. Disastro Biaggi

DONINGTON - Marco Melandri se lo ricorderà a lungo il 27 marzo. A quasi cinque anni di distanza dall'ultima vittoria (Gran Premio d'Australia a Phillip Island in MotoGp), il pilota di Ravenna è tornato a salire sul gradino più alto del podio. E lo ha fatto alla grande, andando a prendersi la prima manche del Gran Premio d'Europa, secondo round del mondiale Superbike. Il pilota della Yamaha in Gara 2 si è preso il piazzamento d'onore dietro Carlos Checa (Ducati Althea).

 

Donington si conferma pista magica per il pilota romagnolo, dove aveva già vinto nel 2002 con l'Aprilia 250cc nell'anno che l'avrebbe poi visto iridato. Dopo un inverno dedicato alla riabilitazione dopo l'operazione subita il 23 dicembre scorso in artroscopia ai legamenti del braccio destro, Melandri si è tuffato con grande entusiasmo nella nuova avventura nel mondiale delle derivate di serie. E' già a Phillip Island ha ritrovato il sapore dello champagne, terminando Gara 2 al terzo posto.

 

Alla vigilia della prima tappa europea il pilota della Yamaha non aveva nascosto le sue ambizioni. Venerdì è subito partito fortissimo, prendendosi la seconda posizione nelle qualifiche. Mentre sabato, in Superpole, non è riuscito a far meglio del nono tempo per esser stato ostacolato da Max Biaggi nel suo giro veloce. Con il romano c'è stato un battibecco accesso, con il ravennate che si è preso anche due buffetti dal campione del mondo.

 

Melandri ha reagito alla grande, conquistando Gara 1 al termine di una spettacolare rimonta. prima ha duellato con l'Aprilia di Biaggi, scambiandosi diverse volte la posizione, poi di gran carriera si è liberato di chi lo precedeva.Prima Noriyuki Haga (Aprilia Pata), poi Leon Camier (Aprilia), Tom Sykes (Kawasaki) e Leon Haslam (Bmw). Mancava solo Jakub Smrz, portacolori della Ducati del team Effenbert Liberty Racing. Al ceco il pilota di Ravenna ha guadagnato in pochi giri due secondi, passandolo alla penultima tornata.

 

In Gara 2 il ravennate ha spinto forte per risalire il gruppo, ma nel finale non è stato in grado di annullare il vantaggio di Checa partito con la gomma più soffice. Lo spagnolo resta al comando del campionato con 19 punti di vantaggio su Melandri. Weekend da dimenticare per Biaggi, settimo in Gara 1 e squalificato nella successiva manche per non aver scontato con un ride through la partenza anticipata. L'Aprilia si è consolata con il podio di Camier.

 

Quarto ancora una volta Haslam davanti a Lascorz, Rea e alla Suzuki di Michel Fabrizio. Il romano, costretto al ritiro in Gara 1, ha preceduto Smrz, l'ottimo Badovini e Ruben Xaus (Honda Castrol). Prossimo appuntamento tra settimane per il Gran Premio d'Olanda, ad Assen.

 

Giovanni Petrillo

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di R_I_C_K_
    R_I_C_K_

    sono contento x il grande macio melandri che sia tornato a buoni livelli...spettacolo la mini rissa con biaggi al sabato...forse l'ha galvanizzato

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -