Superbike, polemiche a Monza. Biaggi penalizzato: ''Decisione durissima''

Superbike, polemiche a Monza. Biaggi penalizzato: ''Decisione durissima''

Superbike, polemiche a Monza. Biaggi penalizzato: ''Decisione durissima''

MONZA - Quello di Monza doveva esser un weekend di festa. Ed invece c'è delusione e rabbia sul volto di Max Biaggi. Una discutibile decisione dei commissari di gara ha tolto al campione dell'Aprilia la vittoria di Gara 2. Il fattaccio è avvenuto all'undicesimo giro, quando il 'Corsaro' si trovava agevolmente al comando con oltre cinque secondi di vantaggio sul diretto inseguitore.

 

L'Aprilia numero uno è arrivata lunga alla variante in fondo al rettilineo del traguardo ed è rientrata in pista senza percorrere la corsia indicata giovedi scorso durante il briefing con i piloti al quale il Biaggi non aveva preso parte, delegando il ds della casa di Noale. Il romano non aveva tratto alcun vantaggio dalla manovra, ma i giudici hanno deciso di punirlo con un passaggio nella corsia dei box. Alla fine il pilota dell'Aprilia ha chiuso all'ottavo posto.

 

"In questo momento provo solo una grande delusione, per me e per tutto il team - ha affermato Biaggi -. Ci siamo preparati al meglio e mi sembra che la pista lo abbia dimostrato. Non posso che accettare questa durissima decisione rimproverandomi solo di non avere avuto la scaltrezza di non toccare quella riga. Ora dobbiamo ritrovare subito la concentrazione per le prossime gare, il campionato è lungo".

 

"Gli organi giudicanti sono lì per prendere decisioni, a noi tocca rispettarle e dunque non possiamo che accettare la penalità che i giudici ci hanno inflitto - ha dichiarato il direttore tecnico e sportivo di Aprilia, Gigi Dall'Igna -. Ma non possiamo tacere che, da un punto di vista strettamente sportivo, Max non ha tratto alcun vantaggio cronometrico dal taglio alla variante".

 

L'ingegnere parla di "un problema che ha costretto Max a cercare di non cadere e rientrare in pista a 330 km/h. Una condizione ben difficile per cercare anche di evitare una striscia dipinta per terra". "Il dispiacere - ha continuato - è grande anche per l'eccellente lavoro che tutto il team ha svolto per presentarci al meglio a questo appuntamento. Ora continueremo a lavorare duro - ha concluso Dall'Igna - come abbiamo sempre fatto, per tenere aperto fino all'ultimo questo campionato".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -