Superbike, Giugliano show si prende la Superpole: Imola esplode di gioia

La Panigale 1199 numero 34 ha fermato il cronometro sul tempo di 1'46"382, mettendosi alle spalle le Kawasaki di Tom Sykes (1'46"672) e Jonathan Rea (1'46"503).

Gli applausi sono più che meritati. Davide Giugliano si è lasciato tutti alle spalle, rientrando ad Imola circa tre mesi dopo la frattura di due vertebre nei test di Phillip Island con una voglia matta di divorarsi l'asfalto. Il 25enne romano è stato l'autentico protagonista del sabato romagnolo, conquistando la Superpole del Gran Premio d'Italia, quinto round del mondiale Superbike. La Panigale 1199 numero 34 ha fermato il cronometro sul tempo di 1'46"382, mettendosi alle spalle le Kawasaki di Tom Sykes (1'46"672) e Jonathan Rea (1'46"503).

La Superbike ritrova l'atteso protagonista. "E' una grandissima soddisfazione - ha affermato il direttore generale della Ducati, Claudio Domenicali -. E' molto bello, in gara sarà dura. Ma darà tantissimo e l'adrenalina potrà aiutare". "E' fantastico, è molto importante per me. Sono stati mesi difficili, la Ducati mi è stata vicino - ha affermato a caldo Giugliano -. E' bellissimo vedere l'affetto dei tifosi".

Ha chiosato il talento di casa Ducati: "Quando ero a casa avevo più dubbi che certezze. Quando sono salito in moto ho preso confidenza e il lavoro mi ha portato alla pole". Per la gara Giugliano non fa proclami: "Mi stanco facilmente, non sono ancora al top della forma. Ma le gare sono strane, io pure, e vediamo che cosa succederà. Darò il massimo".

Sykes e Rea sono a posto in configurazione gara. Se il primo prevede "due manche combattute", ringraziando l'affetto del popolo italiano, il secondo si è detto soddisfatto della prima fila. "E' importante partire davanti perchè qui i sorpassi sono difficili - ha evidenziato Rea -. Ma in Superpole non sono stato perfetto. Ho fatto due errori, ma pensando alla gara sono fiducioso". Quarto tempo per il gallese Chaz Davies, davanti alle Aprilia di Leon Haslam (incappato anche in una caduta alla Variante Alta) e Jordi Torres. Ottavo tempo per Ayrton Badovini (Bmw).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dall'inviato, Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -