Superbike a Misano, Sykes e Rea ostentano tranquillità: "Siamo veloci"

Jonathan Rea sembra aver in mano il controllo della situazione: "I tempi sono ravvicinati - ha esordito il nordirlandese -. Abbiamo progredito tra le due sessioni e la simulazione gara ci è servita per raccogliere dati importanti sul consumo delle gomme"

Foto di Marzio Bondi

Un'innocua scivolata non ha tolto il buon umore a Tom Sykes. Il britannico della Kawasaki, dopo la schiacciante doppietta di Donington Park, è intenzionato a togliere la scena anche a Misano al compagno di squadra Jonathan Rea. Partito con l'handicap di non aver partecipato ai test dei giorni scorsi sul tracciato rivierasco, l'ex campione del mondo ha tirato fuori dal manico un ottimo passo. "Sinceramente sono un po' sorpreso, perchè non pensavamo di aver questa velocità malgrado non avessimo fatto i test - ha esordito -. Come a Donington ho avuto una piccola scivolata nel turno pomeridiano, ma questo non ha inciso sul programma di lavoro. Sono rimasto tranquillo e mi sono migliorato. Le regolazioni fatte sono buone, ma possiamo migliorarci ancora".

Anche Jonathan Rea sembra aver in mano il controllo della situazione: "I tempi sono ravvicinati - ha esordito il nordirlandese -. Abbiamo progredito tra le due sessioni e la simulazione gara ci è servita per raccogliere dati importanti sul consumo delle gomme". Il nodo dei collaudi di Rea era proprio il degrado delle gomme da verificare sul nuovo asfalto del tracciato intitolato a Marco Simoncelli: "Il consumo è aumentato, ma comunque abbiamo un passo costante. Sono tranquillo". L'obiettivo del campione del mondo in carica è dichiarato: "Vincere per allungare in campionato". Anche perchè il vicino di box è quello che negli ultimi round ha conquistato più successi.

Dall'inviato, Giovani Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -