Test al Montmelò, day 2. Alonso: ''Red Bull ancora la più forte''

Test al Montmelò, day 2. Alonso: ''Red Bull ancora la più forte''

Test al Montmelò, day 2. Alonso: ''Red Bull ancora la più forte''

MONTMELO' - Per due volte la F150th Italia ha costretto Fernando Alonso ai box nella seconda giornata di test sul tracciato ‘Catalunya' di Montmelò. Che non fosse un sabato positivo lo si è capito già dal mattino, quando la rossa ha accusato un problema di natura elettronica. Nel pomeriggio lo spagnolo è stato appiedato da un guasto meccanico. Sia ben chiaro, nessun campanello d'allarme. I test sono fatti apposta perché i potenziali guasti vengano fuori.

 

Alonso è riuscito comunque a totalizzare 90 giri, accogliendo dati utili per il prosieguo dello sviluppo della vettura e per la conoscenza degli pneumatici Pirelli. Quanto alle gomme, lo spagnolo ha evidenziato un degrado simile a quello notato sia nei test a Valencia che a Jerez. "Se dovessimo correre adesso ci vorrebbero tre se non quattro soste per finire la gara - ha evidenziato Alonso -. Non bisognerà cambiare soltanto il modo di affrontare la corsa ma anche tutto il weekend".

 

Secondo il ferrarista, il rendimento dei pneumatici creerebbe le maggiori opportunità di sorpasso: "Se si trovassero a lottare vetture con treni di gomme all'inizio o alla fine di uno stint ci sarebbe una differenza di prestazione molto importante, tale da consentire sorpassi, ancor più decisiva dell'uso del Kers e dell'ala posteriore mobile", ha sottolineato. Alonso vede ancora la Red Bull come la squadra da battere, indicando la stessa Ferrari, la McLaren, la Mercedes e la Renault in grado di lottar per il primato.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' sempre molto difficile giudicare i risultati delle prove - ha evidenziato l'asturiano -. Bastano dieci chili di benzina in più o in meno a bordo o gomme usate in questo o in quel momento della giornata per fare una differenza anche di secondi." Terminato il turno dello spagnolo, da domenica toccherà a Felipe Massa proseguire il programma di sviluppo della Ferrari F150th Italia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -