Traffico eroina, l'ex arbitro Moreno rischia 63 mesi di galera

Traffico eroina, l'ex arbitro Moreno rischia 63 mesi di galera

Traffico eroina, l'ex arbitro Moreno rischia 63 mesi di galera

Byron Moreno, l'ex arbitro ecuadoriano diventato ‘famoso' per la scellerata direzione costata l'eliminazione dell'Italia ai Mondiali in Corea nel 2002, rischia fino a 63 mesi di prigione. Lo scorso 21 settembre era stato arrestato dalla polizia all'aeroporto John F. Kennedy di New York dopo esser stato trovato con almeno sei chilogrammi di eroina nascosti nelle mutande.

 

L'ex fischietto, che impegnato come commentatore sportivo in una radio e in canale tv del suo paese, ha ammesso le sue responsabilità. Il giudice, che ancora non ha fissato la data del processo, ha disposto che li 41enne rimanga in carcere senza cauzione.

 

Moreno fu protagonista di un arbitraggio a favore della Corea del Sud nell'ottavo di finale vinto dai padroni di casa per 2-1. In particolare fu contestato per l'espulsione per simulazione di Francesco Totti (quando era stato atterrato in area) e per un gol regolare di Damiano Tommasi realizzato nel supplementare.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -