Zidane: ''Scuse a Materazzi? Meglio morire''

Zidane: ''Scuse a Materazzi? Meglio morire''

ROMA - "Piuttosto che chiedere scusa a quello preferirei morire". Zinedine Zidane torna a parlare di famosa testata a Materazzi nella finale dei Mondiali di Berlino, che chiuse tristemente la sua carriera. "E' chiaro che mi dispiace - ha affermato l'ex Pallone d'Oro in un'intervista a El Pais - Però se io chiedessi ‘perdono' ammetterei che ciò che ha fatto lui è normale. E per me non fu normale. In campo succedono tante cose".

 

"Non era la prima volta che mi trovavo in una situazione simile ma li non riuscii a resistere - ha aggiunto -. Perché inoltre non è una scusa, però mia madre stava male. Era in ospedale e questo la gente non lo sapeva. Per me era un brutto momento. Tante volte in carriera hanno insultato mia madre e non ho mai risposto. Però lì risposi. E chiedere perdono a quello".

 

"Se fosse stato Kakà, un tipo normale, una buona persona chiaro che gli avrei chiesto scusa - ha evidenziato -. A quello no. Se gli chiedo perdono manco di rispetto a me stesso e a tutte le persone alle quali tengo nel profondo dell'anima. Chiedo scusa al calcio, ai tifosi, alla squadra. Dopo la partita entrai negli spogliatoi e dissi: ‘Scusatemi. Lo so che non cambia nulla, però chiedo perdono a tutti'. Ma a lui non posso. Mai, mai. Sarebbe come disonorarmi. Preferisco morire".

 

Ovviamente Matrix non ne è rimasto all'oscuro e ha voluto replicare a modo suo, sul proprio sito ufficiale. La risposta è laconica: una foto di Zidane di spalle che si allontana dalla Coppa del Mondo, dove domina la scritta "Merci beacoup monsieur" (Grazie mille signore ). Il titolo del post, senza altri commenti, è ancora più esplicito. "Come direbbe Vasco: senza parole".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -