Video di 'bulli' sul web, ritirata la querela a Google

Video di 'bulli' sul web, ritirata la querela a Google

(foto di repertorio)-79

Divenne per mesi il video simbolo del bullismo, quello messo in rete da un gruppo di studenti torinesi che si erano resi protagonisti di uno squallido episodio, nel quale insultavano e prendevano a schiaffi uno studente disabile, loro compagno di classe. Un video che fece il giro del mondo, e per il quale il padre del ragazzo querelò Google per non aver bloccato il caricamento del filmato.

 

Una querela (per diffamazione aggravata e violazione della privacy in concorso con gli studenti responsabili) che proprio in queste ore è stata ritirata, e che alleggerisce la posizione dei quattro dirigenti della 'Grande G' tra cui il presidente del Cda di Google Italia, David Carl Drummond.

 

Per i dirigenti, comunque, la situazione non finisce qui visto che saranno nuovamente a processo in quanto il giudice ha ammesso la costituzione a parte civile delle altre parti offese.

 

"La querela è stata ritirata - ha detto l'avvocato Michela Malerba - perché non corrisponderebbe a una sua effettiva tutela. Il ragazzo e la sua famiglia hanno deciso di non costituirsi parte civile nel procedimento penale pendente avanti il Tribunale di Milano nei confronti dei responsabili di Google Italia".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutta questa triste vicenda è stata spesso strumentalizzata per fini che nulla hanno a che vedere con la tutela della persona offesa - dice ancora l'avvocato Malerba - basti pensare che il ragazzo, che frequenta regolarmente una scuola, legge i quotidiani, vede la televisione si sente ulteriormente offeso e umiliato dai titoli e dalle immagini che spesso vengono diffusi".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -